Bilanci in ritardo, nominati i commissari

Share Button

FORZA D’AGRO’ – Il consiglio comunale di Forza D’Agrò, convocato dal presidente Melina Gentile, si riunirà giovedì 26 alle ore 11, con otto argomenti da discutere. Tra questi spiccano il Piano Triennale delle opere pubbliche e il bilancio di previsione 2015 con il pluriennale 2015/2017. Bilancio che arriva in ritardo (dove essere approvato entro il 30 settembre) tanto che l’assessorato regionale per le autonomie locali ha già nominato un commissario ad acta (Carlo Turriciano) che vi dovrà provvedere in sostituzione. Nelle stesse condizioni di Forza D’Agrò ci sono altri dieci comuni jonici: Alì (commissario Giuseppe Petralia), Casalvecchio (Vincenzo Lauro), Castelmola (Domenico Mastrolembo Ventura),  Giardini Naxos (Nicolò Lauricella), Itala (Domenico Mastrolembo Ventura), Mongiuffi Melia (Giuseppe Petralia),Pagliara (Vincenzo Lauro), Sant’Alessio (Daniela Leonelli), Savoca (Angelo Sajeva), e Taormina (Carmelo Messina). In qualche caso i commissari non si muoveranno da Palermo perché oltre quello di Forza D’Agrò, i consigli comunali sono stati già convocati per il 26 a Savoca (18,30), e per venerdì 27 alle 18 a Casalvecchio. In altri comuni il bilancio è stato già approvato dalla giunta, manca il passaggio in consiglio che dovrebbe essere prossimo. I ritardi in un certo senso sono “giustificati” dalla riforma dell’ordinamento contabile in vigore dal 1 gennaio 2015.

Senza i bilanci approvati, però, i comuni non possono chiedere la rinegoziazione dei mutui per ottenere un tasso più favorevole e un pagamento dilazionato. E’ già Parti l’operazione Rinegoziazione secondo semestre 2015 per i comuni, attraverso la quale gli enti interessati potranno gestire attivamente il debito, rimodulando la propria posizione debitoria. Entro il 26 novembre i comuni che hanno già approvato il bilancio di previsione 2015 possono rinegoziare i mutui con la Cassa Depositi e Prestiti ottenendo un prolungamento dei tempi di ammortamento e soprattutto un calo del tasso di interesse. Lo rende possibile una legge nazionale e una circolare della Cassa Depositi e Prestiti. Una bella boccata di ossigeno per le casse comunali. La circolare di riferimento si trova sul sito della CdP e porta la data del 4 novembre 2015.

Il periodo di adesione va dal 5 novembre e sino alle ore 13:00 del 23 novembre 2015. Tutta la documentazione (richiesta che si scarica dal portale web della CdP e bilancio 2015) deve pervenire in originale entro le ore 17:00 del 30 novembre 2015.

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.