Il sindaco Di Cara venerdì parlerà alla cittadinanza

Share Button

Forza d’Agrò – Venerdì 10 giugno 2016 il sindaco di Forza d’Agrò avv. Fabio Di Cara parlerà alla cittadinanza. Giunto al secondo mandato, del quale già due anni sono da poco trascorsi, si tirano le somme. Porterà a conoscenza dei cittadini, tra le altre cose, dell’ultimo finanziamento ottenuto: 341.046,77 euro per il restauro della caserma dei Carabinieri comandata dal maresciallo Maurizio Zinna.

Un altro spunto che ha spinto il sindaco Di Cara a comiziare venerdì è la scellerata e ridicola condotta del gruppo di minoranza e del suo capo fondatore Nino Bianca.

Basteranno tre gradi di giudizio, una circolare esplicativa dell’assessorato regionale per le Autonomie Locali e 21.000,00 euro pagati a far capire a Bianca e company che non esiste incompatibilità tra il sindaco ed un consigliere comunale (nel caso specifico tra i fratelli Fabio ed Emanuele Di Cara in quanto entrambi eletti dal popolo)?

Se la cosa, dopo quanto detto prima, ancora rimane incomprensibile rimangono due strade:

  • la prima quello di presentare il tutto alla corte di Strasburgo,
  • la seconda quella di chiedere al Presidente del Consiglio Renzi di fare una legge ad hoc per il comune di Forza d’Agrò.

Il sindaco Di Cara si soffermerà su questi ed altri argomenti, compresa la precedente condanna di qualche settimana fa inflitta a Donato, il quale aveva querelato Miliadò. Non è da tutti querelare una persona e farsi auto condannare al pagamento di 10mila euro.

Storie tipiche di Forza d’Agrò, il che la dice lunga sul fatto che questa gente non ha mai ricoperto cariche politiche di primo piano nonostante facciano politica da più di mezzo secolo. Non è bastato nemmeno il minestrone fatto dalle due compagini, che si erano fatte guerra per quasi un cinquantennio, per avere la meglio prima

Un appuntamento da non perdere!

Nella settimana successiva il video sul nostro canale YouTube: Forza d’Agrò.org

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.