Le interrogazioni Fuffa

Share Button

Forza d’Agrò – Si è tenuto giovedì 06 settembre il consiglio comunale con 7 punti all’ordine del giorno. Potrebbe sembrare strano ma anche per questo consiglio la decadenza è stata rinviata, il consiglio di magistratura forzese continua a studiare e presto ci fornirà una nuova data. (Questo era quanto avevamo preparato, ora con i nuovi risvolti tratteremo il caso in seguito)

I punti all’ordine del giorno:

1) Approvazione verbali della seduta precedente.
2) Rinvio al 2020 della contabilità economico patrimoniale e del bilancio consolidato con riferimento all’esercizio 2019.
3) Approvazione rendiconto di gestione relativo all’esercizio finanziario 2018 e dei relativi allegati.
4) Interrogazione prot. n. 5555 deI31.07.2019.
5) Interrogazione prot. n. 5556 del 31.07.2019.
6) Interrogazione prot. n. 5991 de122.08.2019.
7) Interrogazione prot. 5992 del 22.08.2019.

Dopo la conclusione dei primi tre punti all’ordine del giorno si assiste ad un consiglio diverso.

Si da al via a 4 interrogazioni Fuffa con argomenti da bar, tanto che qualcuno si potrebbe aspettare, a breve, un interrogazione su: chi vincerà il prossimo scudetto?

Argomenti che da mesi vengono trattati, da sapientoni, nelle piazze e nei bar e sopratutto sui social dove si registrano impennate di coraggio, dove tutti hanno diritto a spararle più grosse. La tristezza è il trasferimento di tali argomenti in una seduta pubblica, dove l’unico obbiettivo non è l’eventuale risoluzione del problema ma una misera speculazione politica.

Difatti ogni argomento, se trattato, fa felice qualcuno quindi perché non farlo?

Le soluzioni?

Già quella è tutt’altra cosa perché se consiglieri e sostenitori in 12 anni non sono riusciti a trattarli e risolverli, ma ci convivevano e basta, ora pensano che con un colpetto di bacchetta magica si risolvino da soli.

Andiamo per ordine, la prima Interpellanza fuffa trattava il taglio di un albero da frutto. Settimane di discussioni, fiumi di lettere sui social, paladini del verde a mezzo servizio. Gente che ha disboscato l’Amazzonia per stufe e caminetti improvvisamente si riscopre verde e indignato.

Risultato 0!!

L’amministrazione comunale, dopo svariate segnalazioni, ha deciso di tagliare un albero che si trovava sul suolo pubblico, attraeva numerosi insetti e con i suoi frutti era un pericolo per l’incolumità. Al suo posto due alberelli ornamentali.

Seconda interrogazione Fuffa: aver deciso di cambiare il luogo del terminal del pullman e degrado della villa “Falcone Borsellino”.

Per quanto riguarda la Villa sappiamo tutti che il degrado non si è verificato negli ultimi sei mesi. La villa versa in queste condizioni da anni. Quindi chiunque, sapendo i ruoli che sono stati ricoperti in quest’ultimo decennio, si chiederebbe ma coloro che oggi firmano l’interrogazioni, e coloro che si trovano dietro, cos’hanno fatto in questi lustri per risolvere questo problema? Dove si trovavano e cosa hanno fatto in merito 6 mesi addietro? Spieghino questo prima ai cittadini.

Se non sono stati capaci avranno avuto dei buoni motivi, quindi oggi la presentazione di quest’atto è esclusivamente per dire “…eh la minoranza è attenta….”. Perché se così non fosse devono condividere le responsabilità. Ma chiaramente parliamo di fuffa, vogliamo dimostrare non si sa cosa e non capiamo che probabilmente ci tiriamo la zappa sui piedi.

Per quanto riguarda il terminal anche li altra fuffa. 2 relazioni a supporto di quanto deciso dall’amministrazione. La prima del comando dei vigili urbani e la seconda da parte dell’ufficio tecnico. Il terminal è stato spostato per grossi problemi alla viabilità che solo per fortuna, ad oggi, non si raccontano gravi incidenti. I danni, sempre fortunatamente, sono stati riportati a diversi veicoli dai pullman in manovra. Inoltre il pavimento di piazza Largo Piano, nella zona di manovra dei Pullman, è fortemente danneggiato. La lesione del manto stradale si verifica per la forte pressione delle ruote anteriore degli autobus in manovra.

Secondo l’opposizione lo spostamento del terminal di 300 metri ha ridotto il flusso turistico del 40%. Si capisce che si tratta di una bufala perchè non hanno il minimo documento che attesti ciò e spesso, in molti casi, non vivendo a Forza d’Agrò non hanno neanche contezza del traffico turistico che giornalmente arriva in paese. Essendo in tema di bufale una consigliera dichiara di aver visto personalmente alle 01.00 dei turisti fermi al vecchio terminal che aspettavano la partenza dell’autobus. Qui sembrerebbe averla sparata proprio grossa tanto che ripresa non è riuscita più a commentare. L’ultimo pullman da Forza d’Agrò parte alle ore 21.45. Fuffa allo stato puro.

Terza interrogazione le gru del quartiere “Quartarello”, ovviamente anche le gru sono li da più di 12 anni, quindi la domanda sorge spontanea:

Chi era amministratore in questi dodici anni, cos’ha fatto per fare smontare le gru?

Per caso le gru sono state montate sei mesi addietro?

I’amministrazione poco o nulla può fare per risolvere questo problema. Le gru sorgono su terreni privati ed hanno delle autorizzazioni. Sono correlati da certificati di manutenzione ed l’amministrazione non ha la facoltà economica per smontarle. Il sindaco ha invitato i proprietari dei lotti, dove sono state istallate, a prendere provvedimenti. Inoltre tutti gli enti che ruotano intorno a queste autorizzazioni hanno ricevuto una segnalazione affinché possano fare luce sull’argomento.

Quarta interrogazione fuffa su contributi e sede della proloco. L’amministrazione ha il suo assessorato ed organizza le manifestazioni da sola. Quindi non elargisce contributi per tali scopi. Per quanto riguarda la sede, attualmente non ha locali disponibili da assegnare.

Risultato: una marea di Fuffa senza la minima proposta costruttiva e/o la minima soluzione ad un problema. Argomenti che da anni ci portiamo dietro e che quindi si farebbe bene a non menzionare se non si vuole essere a sua volta accusati.

0 allo stato puro.

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.