Norme anti Covid! Cosa sono?

Share Button

Forza d’Agrò – Hanno la laurea ma stentatamente riescono a fare “l’ovu cu bicchieri”.

L’ennesima dimostrazione si è verificata sabato 01 agosto quando, il partito pro loco, organizza in piazza SS. Annunziata un torneo di briscola. L’amministrazione non ha problemi a concedere il suolo pubblico per una serie di manifestazioni, autorizzazione che viene rilasciata con l’obbligo di attenersi alle norme vigenti anti Covid-19.
Norme facilmente riscontrabili nell’ordinanza del Presidente della Regione n 25 del 13 giugno 2020 che spiega tutto ciò che è proibito nella seconda fase del Covid. Norme per altro ribadite dal d.p.r.s. del 31 luglio.
Regole, di cosa parliamo?-… “Certamente non riguarderanno noi…”, avranno pensato i laureati, ed organizzano la manifestazione.
Giustamente chi è il Presidente della Regione? Cos’è un ordinanza? Tutto al più sono ferrati sul karaoke…..
La cosa più triste è che, ancora oggi, l’ispettrice della Questura di Messina non ha smesso di ridere dopo aver cercato, in tutte le lingue ed in tutte le salse, di spiegare, invano, che il gioco delle carte è tassativamente proibito.

Nel Far western la prepotenza e l’arroganza è l’unica legge che si conosca, questo è quello che accade ultimamente a Forza d’Agrò. Non si riconoscono più le autorità, né civili né militari, il motto è “u facemu e basta”. Poi quando le cose si complicano, non avendo le capacità di farsi un esame di coscienza, parte il vittimismo, le lacrime di coccodrillo utili ad aizzare gli animi degli ignoranti, e l’odio contro le autorità sui social dei repressi.
Facebook ormai è il social per antonomasia di vecchie pensionate e gente frustrata; il resto del mondo, ormai da anni, lo utilizza solo per pubblicizzare qualcosa. Buona parte ha abbandonato il social delle lavandaie, per spostarsi su Instagram o Twitter, dove ancora molto di loro non hanno le capacità di arrivarci.
Volevano amministrare il paese pensando che fosse facile quanto organizzare una festicciola, tra l’altro proibita……
“Scuru di mezzanotti”.

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.