Maria Macrì scrive per Forza d’Agrò

Share Button

Forza d’Agrò – Maria Macrì forzese, che vive a Giardini Naxos ormai da decenni, ci ha dato la possibilità di pubblicare alcune sue poesie scritte per il nostro amato paese. La signora Maria ha dedicato il suo tempo libero al suo paese natio, che l’ha ispirata e gli ha regalato anche soddisfazioni. Con la poesia Radici ha ricevuto  una menzione speciale nel concorso dedicato a Carmelo  Pitrolino nel 2012 a Gravina di  Catania.

 

Al mio paese

 

Tacita scende la sera sul paese mio natio,

il sole si dilegua dietro il vecchio castello,

le tegole d’ogni casa si tingono d’oro,

gli ultimi raggi baciano il marmoreo cimitero.

 

Ed  ecco in bel bambino ,tornar dalla campagna,

felice cavalca il suo asinello,

per oggi il lavoro è quasi terminato.

E poi un vecchio curvo per il lungo vangare,

s’avvia alla piazza,

la sua giovinezza l’ha donata ai campi,

ed ora stanco aspetta un po’ di pace.

 

Squillano intanto le campane dell’Annunziata,

una vecchietta appare,

s’inchina al devoto Crocifisso,

recita il suo rosario.

Ancora qualche finestra illuminata;

poi tutto torna tranquillo,

ogni cosa tace,

scendono le ombre dal vecchio cimitero.

 

Questa poesia è ben compresa da chi negli anni 60 ha vissuto nel mio Paese  Forza d’Agrò

 

Maria Macrì

 

 

Il vecchio castello

 

Con cadenze annuali, si ricordano i cari dei tempi lontani;

è la festa degli avi,di coloro che ormai han passato le sponde,

lasciando in noi perenni ricordi,

di calde ciabatte,di scarpe più nuove, di svanite carezze,

di mandorle dolci di fichi e castagne.

 

Ricordi di sciame di bimbi, in vicoli oscuri del mio paese,

arroccato sui monti del capo  d’Agrò;

bimba, sai dirmi d’ovè il vecchio castello!

Boh! Rispondevo , qua castello non c’è;

ancor non sapevo che in cimitero,

per giuste esigenze la gente trasformato l’avea.

 

Tanti anni passati son già, ed il vecchio castello arroccato,

è ancor là,

sovrasta il paese con gli avi  più antichi degli anni di guerra,

con tombe inusuali;

ridonarlo si vuole agli antichi splendori,

di castello guerriero con smerli e fessure,passaggi segreti.

 

E tu, con mistezza, che volgi lo sguardo,

tra tombe e sentieri, gradini scoscesi, porta con te,

il ricordo assai caro del vecchio castello  con spoglie mortali,

,di uomini illustri, di mamme a noi care.

Tramanda nel tempo l’antica funzione di dimora terrena,

di gente passata,di dotti guerrieri di quel vecchio castello smerlato.

Maria Macrì

 

La sorti du ziu Pippinu

 

Ho! Munnu, ca piddaveru mi munnasti,

iappi la sorti di lu mannarinu,

tutta la vita  mia mi carpistasti,

cchiù peggiu ancora di lu sali finu.

 

N’ta peni e n’ta  marizzi mi ittasti,

quantu n’aiu a vidiri poviru Pippinu?

Nna cosa sula vulissi sapiri,

picchì a chistu munnu iho sempri a suffriri?

 

E’ la me mala sorti ca non ridi,

m’accarizza e mi dici,figghiu ciatu,

“ci dicu sempri”,a mia tu ma diri,

senti picchi iho a stu munnu,

sempri aiu a luttari!

 

Idda mi dici “a moriri”,

sintiti chi discursu sciallaratu,

allura amici vi vurria diri,

ca l’omu a stu munnu è sulu nu poviri statu.

 

 

Poesia trascritta da me Maria Macrì ,ma dettatami da mio zio  Lombardo Giuseppe deceduto nel 2013

 

 

Radici

No ti scurdari mai li thò radici,

la casa ca pi prima sintiu lu  t’hò vagitu,

li vuci i sta Sicilia,

unni lu mungibeddu fa da patruni,

si nenti oggi lassi ,

cchiù nenti tu tattrovi.

 

Puru  ca di parenti toi ti voi scurdari,

pi nu sgarru ca di iddi ricivisti,

li sdarrichi  accumpagnunu la to sorti,

scurdari non si po la terra matri.

 

Matrigna o vera matri pi ttia fu la  t’hò terra,

li stradi lu mari, la rina unni giucasti ,

quannu la carusanza sprizzava i tutti i lati,

nt’ho cori si stampau,scurdari non si po’.

 

Ricorda la vuci di la nonna, ca cu rranni divuzioni,

parrava di so matri,du tempu di la guerra,

ca pi sfamari i figghi,

lu pani cu li brazza  travagghiava,

encerca di frumentu s’innannava.

 

No-ti scurdari mai di li ricordi;

ricordili a li figghi ,niputi e proniputi,

tramannali,n’thò tempu a ti resta,

“sol chi non lascia eredità d’affetti  poca gioia ha dell’urna”

dissi nu gran poeta.

 

 

 

Maria Macrì

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.