Dissesto: la sp 16 dimenticata

Share Button

FORZA D’AGRO’  – Nella mappa delle criticità sulla viabilità provinciale, un posto di rilievo, purtroppo, lo occupano le 23 strade provinciali del versante ionico, sulle 70 complessive dell’intera provincia. Occorrono per sistemarle tutte e 70 circa 50 milioni.  La Provincia Regionale di Messina, in un percorso condiviso con il Genio Civile e su incarico dell’assessore  regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, Giovanni Pizzo, ha predisposto un elenco di interventi prioritari da eseguirsi sulla viabilità provinciale interrotta o danneggiata da recenti eventi alluvionali. La mappa sulla quale la Regione chiederà al governo nazionale trasferimenti straordinari, è stata redatta dal dirigente della IV Direzione “Servizi Tecnici di Viabilità – 1° Distretto”, ing. Giuseppe Celi.

“L’Assessore regionale si è recato a Roma per discutere con il Governo nazionale e richiedere trasferimenti straordinari” informa un comunicato della Provincia.

Per rimettere in sesto ed in sicurezza del 70 strade – secondo le stime dell’ing. Leonardo Santoro, ingegnere capo dell’ufficio provinciale del Genio civile – occorrono 50 milioni di euro. Una bella cifra che è illusorio attendersi che arrivino dallo Stato, per cui ci sarebbe già pronto un piano per tamponare le emergenze con le risorse che erogherà il governo nazionale, circa 7 – 8 milioni, sempre secondo valutazioni del Genio Civile. Ed allora?

Restano nel limbo gli interventi per le altre strade provinciali. Come per la sp 16 S.Alessio – Forza D’Agrò, unica via di collegamento del centro collinare con la riviera jonica. Gli appelli del sindaco Fabio Di Cara a tutte le autorità, finora sono rimasti lettera morta. Si aspetta il big bang?

Ma sono tutte le strade ad essere in condizioni precarie, perché vecchie con oltre 30 – 40 anni di età e costruite basandosi sul traffico di vetture e mezzi pesanti dell’epoca, a cui si aggiunge la natura del terreno e sulle quali pesano moltissimo i fenomeni meteorologici invernali.

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.